La programmazione dell’allenamento negli sport d’élite dopo il COVID-19? Va cambiata

È necessario, alla ripresa piena dell'attività outdoor, prestare molta attenzione alla gradualità e all'adattamento della struttura muscolare, tendinea e articolare.
Tutto ciò avrà un impatto sul fisico degli atleti di tutte le categorie e di tutti i livelli, è necessario quindi prestarvi attenzione e non avere nessuna fretta, soprattutto se non vi sono appuntamenti, nel tornare rapidamente alle competizioni.

Questa volta “lascio la parola” a un… articolo pubblicato su Sports Medicine il 28 maggio scorso a firma di Martino Franchi, Assistant Professor del Dipartimento di Scienze Bio-Mediche dell’Università degli Studi di Padova. Una lettura interessante. Di quelle che ti portano a riflettere.

“Impatto di possibili cambiamenti fisiologici dovuti alla quarantena per il COVID-19 sulla salvaguardia della salute dell’atleta negli sport d’élite: un invito alla consapevolezza nella programmazione sportiva”.

Un'emergenza globale caratterizzata da crisi respiratorie e chiamata COVID-19 (malattia da coronavirus) si è diffusa in tutto il mondo all'inizio del 2020. Le misure preventive per ridurre il rischio di infezione hanno incluso il “distanziamento sociale” e la chiusura di attività commerciali per evitare assembramenti.

Anche lo sport d'élite è stato fortemente influenzato: i campionati in corso sono stati sospesi e i principali eventi internazionali sono stati rinviati (ad es. Olimpiadi estive, Campionati Europei di calcio). Questa è la prima volta dalla seconda guerra mondiale che tutti gli atleti d'élite sono costretti a interrompere le competizioni.

Inoltre, la maggior parte degli atleti d'élite è costretta ad allenarsi a casa, da soli e per lo più senza supervisione. Alcuni club sportivi o gruppi di coach d'élite hanno fornito ai giocatori o atleti programmi di allenamento a casa e/o conferenze video organizzate per sessioni di allenamento online guidate dai loro coach.

Tuttavia, i vincoli logistici e la difficoltà di attuare strategie di allenamento specifiche per lo sport in assenza di strutture/campi da gioco rendono difficile fornire soluzioni di allenamento paragonabili a quelle adottate in circostanze normali. Durante la quarantena per il COVID-19 sono stati esposti a un certo livello di “deallenamento” (cioè la perdita parziale o completa di adattamenti morfologici e fisiologici indotti dall'allenamento), come conseguenza di stimoli di allenamento insufficienti e/o inappropriati (nota 1).

Tali modifiche possono comportare un peggioramento delle prestazioni e un aumento del rischio di lesioni (es: rottura dei legamenti e infortuni muscolari) se, al riavvio, non è possibile produrre un adeguato ricondizionamento specifico per lo sport. Comunque gli atleti nel ritorno alla quotidianità sportiva potrebbero soffrire di una riattivazione/ricondizionamento inadeguati e, perciò, un più alto rischio di infortunio, quando i campionati/gare potranno improvvisamente riprendere.

Gli adattamenti cardiorespiratori e soprattutto neuromuscolari sono fondamentali nello sport di alto livello e sono noti cali sostanziali (dal 4 fino al 14%) dopo l'interruzione dell'allenamento a breve termine (<4 settimane) (1).

Inoltre, il verificarsi di lesioni sembra essere regolato da una complessa interazione meccanica tra stress, tensione e carico dei tessuti (2). Pertanto, le alterazioni delle strutture meccaniche, come muscoli e tendini, sono probabilmente coinvolte nel processo di lesione.

Studi fisiologici sugli adattamenti dei muscoli e dei tendini allo “scarico” (come il riposo a letto – BR - e la sospensione unilaterale degli arti inferiori - ULLS, che possono essere considerati una forma estrema di riposo) ci hanno insegnato che esistono cambiamenti di dimensioni (da 5 fino a 10% di riduzione della sezione trasversale degli estensori del ginocchio dopo 14 e 23 giorni di ULLS) e nell'architettura (da 6 e fino a 14% di riduzione rispettivamente, dopo 5 settimane di BR) dei muscoli, nonché nelle proprietà meccaniche dei tendini, ciò può verificarsi nei muscoli degli arti inferiori anche dopo l'esposizione allo scarico a breve termine (3, 4).

Il tasso di atrofia da “deallenamento muscolare” può essere ancora più accelerato negli atleti d'élite poiché i soggetti altamente allenati con una maggiore massa muscolare iniziale mostrano una perdita muscolare più accentuata (5).

Oltre all’aspetto morfologico sono stati osservati cambiamenti nella riduzione della forza muscolare, della potenza e della velocità di sviluppo della forza dopo un inutilizzo a breve termine (3, 5).

Sfortunatamente, esiste una letteratura limitata che consente una traduzione diretta di tali osservazioni nello sport d'élite, poiché le prove disponibili si sono concentrate sulle condizioni post-infortunio (6) o sugli effetti della bassa stagione (7).

Le ricerche precedenti possono a mala pena imitare la situazione che gli atleti stanno vivendo ora, con una riduzione improvvisa e più lunga del normale dei carichi di allenamento totali e la sfida di fornire stimoli specifici per lo sport. Tuttavia, potremmo fare affidamento su studi basati sul disuso per ipotizzare che, in questo periodo di riduzione dell'attività, muscoli e tendini subiranno alterazioni di natura simile. Ciò comporterà probabilmente un aumento dei rischi di infortunio dopo il rilascio in isolamento di COVID-19 (2).

C'è un precedente caso simile dopo il blocco della National Football League (NFL) nel 2011 (per problemi sui contratti dei giocatori), in cui durante un periodo di oltre 3 mesi i giocatori hanno subito una “offseason forzata” e insolita senza il normale accesso alle loro strutture e servizi di allenamento. Alla ripresa della stagione successiva, si è verificato un tasso più elevato di lesioni al tendine d'Achille alla ripresa di allenamento specifico e di gruppo (8).

COSA POTREBBE SUCCEDERE

Ad oggi, è difficile prevedere quando ricominceranno gli sport d'élite. Sono possibili due diversi scenari. Nella prima, la situazione pandemica COVID-19 migliorerà relativamente rapidamente e la governance consentirebbe di riavviare gli eventi sportivi a porte chiuse. In questo scenario, al fine di concludere i campionati una volta terminata l'emergenza, molte partite / eventi verrebbero probabilmente condensati in breve tempo e gli atleti potrebbero non essere preparati a far fronte all'elevato allenamento e alle richieste delle partite.

Per questo motivo, sarebbe necessario un periodo di ricondizionamento specifico per lo sport per consentire agli atleti di recuperare le loro qualità neuromuscolari e cardiorespiratorie stagionali, riducendo potenzialmente il rischio di lesioni.

Nel secondo scenario, l'emergenza continuerà e i campionati non saranno completati. Questa situazione di allenamento insufficiente e / o inadeguato verrebbe protratta per diversi mesi e il declino fisiologico associato potrebbe essere ancora più accentuato. In questo caso, una preseason prolungata sarebbe giustificata per consentire la piena ripresa delle funzioni fisiologiche e delle prestazioni degli atleti.

Con questo commento, miriamo a raccomandare la massima cautela nella programmazione sportiva dopo l'emergenza COVID-19 e consigliamo di coinvolgere tutte le parti interessate nelle decisioni (ad es. Personale medico, responsabile delle prestazioni, allenatori, istruttori di fitness e giocatori). Non siamo ancora sicuri su quando e come riavviare campionati ed eventi, ma consigliamo di considerare l'impatto che le scelte potrebbero avere sul rischio di infortunio negli atleti d'élite.


Note

Sarto F[1], Impellizzeri FM[2], Spörri J[3], Porcelli S[4] [5], Olmo J[6], Requena B[6], Suarez-Arrones L[7], Arundale A[8], Bilsborough J[9], Buchheit M[10], Clubb J[11], Coutts A22, Nabhan D[12], Torres Ronda L[13], Mendez-Villanueva A[14], Mujika I[15] [16], Maffiuletti NA[17], and Franchi MV[1]


LEGGI L'ARTICOLO PUBBLICATO SU SPORTS MEDICINE

About the Author

By Simone Diamantini / Administrator, bbp_keymaster on Giu 05, 2020

No Comments

Leave a Reply

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Vai alla barra degli strumenti